Log in

Ops! Per usare il Centro di Lettura devi prima effettuare il log in!

Password dimenticata?

Non hai un account? Registrati

Registrazione

Sei un essere umano?

Hai già un account? Log in

Cerca nel sito…

Reset

Dal greco therapeía che significa “cura, servizio, rispetto”. Il concetto può essere inteso nell’accezione di guarigione come finalità, oppure di procedura verso la guarigione. È la branca della medicina che tratta dei mezzi e delle modalità usati per combattere le malattie e, anche, dell’insieme dei provvedimenti adottati a tale scopo.

La tradizione ippocratica, che tanto ha influito sulla concezione occidentale della medicina, parte dall’assunto che il corpo sia una totalità capace di automantenimento e autorisanamento naturale. In base a questa premessa, compito della medicina è la terapia, ossia l’aiuto fornito all’autorisanamento naturale. In questo senso la medicina è un’arte che coopera con l’azione della natura al fine di restaurare l’originaria pienezza.

La terapia inizia dalle parole del medico, come già diceva nel VI secolo a. C. il poeta Mimnermo quando scriveva: “La parola è medicina alle malattie degli uomini”.

Il significato che si dà oggi a questo termine comprende un complesso programmatico di cure prescritto dal medico curante atto ad annientare una patologia o a limitarne i danni. Quindi una terapia viene utilizzata tanto per riportare uno stato patologico a uno stato sano, onde ottenere la guarigione, quanto per rendere sopportabile e sostenibile la manifestazione di sintomi disagevoli. Nell’ultimo decennio dello scorso secolo, con l’avvento del consenso informato la terapia deve essere spiegata al paziente in modo chiaro ed esaustivo, come devono essergli chiare le eventuali alternative possibili. La terapia va sempre condivisa e partecipata dal paziente, in particolare nelle situazioni più gravi. Questo deve avvenire perché, oltre a combattere la patologia, tutta la persona del paziente deve essere coinvolta proprio per assicurare il massimo benessere in ogni circostanza.

Tutto ciò comporta che “la formazione iniziale e continua dei medici e degli altri esercenti le professioni sanitarie comprende la formazione in materia di relazione e di comunicazione con il paziente, di terapia del dolore e di cure palliative”, come recita l’articolo 10 della legge 219/2017. Qui la comunicazione con il paziente viene fortemente sottolineata e posta in rilievo fino a renderla materia di studio. Infatti, la terapia inizia dalle parole del medico, come già diceva nel VI secolo a. C. il poeta Mimnermo quando scriveva: “La parola è medicina alle malattie degli uomini”.

Maria Teresa Busca
Gruppo di ricerca bioetica, Università degli studi di Torino
Scuola superiore di bioetica della Consulta di bioetica onlus


Questo testo è tratto dal libro Le parole della bioetica a cura di Maria Teresa Busca e Elena Nave (Roma: Il Pensiero Scientifico Editore, 2021). Per gentile concessione dell’editore.

Condividi

Condividi questo articolo:

Ultimi articoli

Fecondazione assistita

A cura di Carlo Flamigni
Nata inizialmente per risolvere i problemi della sterilità meccanica femminile ha visto i suoi primi...

Quattro (delle tante) cose che ho imparato dai pazienti

Un rapporto tra curante e curati basato sull'onestà e sull'ascolto reciproco: Adam Cifu

I commenti sono chiusi.