Log in

Ops! Per usare il Centro di Lettura devi prima effettuare il log in!

Password dimenticata?

Non hai un account? Registrati

Registrazione

Sei un essere umano?

Hai già un account? Log in

Cerca nel sito…

Reset

La gravidanza per altri (Gpa) è stata proposta come mezzo per aiutare le donne che, a causa di alcune patologie, non possono portare a termine una gestazione. Con l’avvento della fertilizzazione in vitro, è divenuto possibile trasferire in madri ospitanti embrioni creati con i gameti della coppia committente, evitando così qualsiasi contributo genetico da parte della madre ospitante.

La gravidanza per altri viene considerata eticamente inaccettabile sia nel caso che si tratti di un atto oblativo sia che si tratti di un contratto oneroso.

Il primo riferimento bibliografico a questo tipo di maternità è stato pubblicato nel New England Journal of Medicine da Wulf H. Utian e colleghi nel 1985. Ancora oggi si tende a fare confusione con i termini che definiscono le varie madri surrogate, e lo stesso termine “surrogata” e stato attribuito sia all’ una che all’ altra protagonista. Sono definiti gestational surrogacy, full surrogacy e IVF surrogacy i gameti di una genetic couple, commissioning couple o di intended parents, che vengono impiegati per produrre embrioni in un surrogacy arrangement. Questi embrioni sono successivamente trasferiti a una donna che accetta di agire come ospite. Essa non è in alcun rapporto genetico con i bambini che possono nascere da questo accordo. Quando invece si parla di natural surrogacy o di partial surrogacy, la donna che si propone come ospite viene inseminata con il seme del marito della coppia genetica. È evidente che in questo caso esiste una relazione genetica tra l’ospite e il bambino, perché si tratta di prestito d’utero e di dono di oocita. Esistono due modalità di organizzare una maternità surrogata.

Nel 1990 fu approvato dal Parlamento inglese il documento “The human fertilisation and embriology act” in cui non c’e proibizione nei confronti della maternità surrogata. L’ultimo report della Bma (1996) afferma che “surrogacy is an acceptable option of last resort” (la gravidanza per altri e un’opzione accettabile come ultima risorsa). Le indicazioni principali per ricorrere a una gravidanza per altri sono:

La gravidanza per altri viene considerata eticamente inaccettabile sia nel caso che si tratti di un atto oblativo sia che si tratti di un contratto oneroso. Nel primo caso si tende a negare che si tratti di una vera donazione e si chiamano in causa problemi, in realtà mai verificati, relativi all’esistenza di un legame unico e insostituibile tra la madre biologica e suo figlio. Nel secondo caso si nega il diritto di decidere in piena autonomia come utilizzare il proprio corpo, e non si tengono in considerazione le condizioni di estrema povertà che spingono molte donne asiatiche a scegliere questa “professione”. Portare a termine una di queste gravidanze significa per una donna indiana guadagnare più di quanto non riuscirebbe a ottenere in un’intera vita di lavoro, e di conseguenza nutrire i propri figli, curarli se si ammalano e, persino, farli studiare.

La gravidanza per altri, in Italia, è una delle poche proibizioni rimaste nella legge 40/2004 dopo gli interventi della magistratura. 

Carlo Flamigni

Carlo Flamigni (4 febbraio 1933 – 5 luglio 2020) è stato docente in Ostetricia e ginecologia. Ha diretto il Servizio di Fisiopatologia della riproduzione e la Clinica ostetrica e ginecologica dell’Università degli studi di Bologna. Ha fatto parte del Comitato nazionale per la bioetica.


Questo testo è tratto dal libro Le parole della bioetica a cura di Maria Teresa Busca e Elena Nave (Roma: Il Pensiero Scientifico Editore, 2021). Per gentile concessione dell’editore.

Condividi

Condividi questo articolo:

Ultimi articoli

Aifa tra scienza e politica

Riordino, rivoluzione, restaurazione. Cosa sta succedendo lo racconta Luca De Fiore

I cura cari. Tra fragilità, solitudine e poesia

La storia di una madre con Alzheimer e del figlio che se ne prende carico. La recensione di...

Conflitto di interesse (in sanità)

A cura di Elena Nave
La condizione di rischio in cui si può trovare un professionista sanitario quando deve fronteggiare...

I commenti sono chiusi.