Log in

Ops! Per usare il Centro di Lettura devi prima effettuare il log in!

Password dimenticata?

Non hai un account? Registrati

Registrazione

Sei un essere umano?

Hai già un account? Log in

Cerca nel sito…

Reset


La riforma dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), proposta con un emendamento a un decreto legge su tutt’altri argomenti (la partecipazione a iniziative Nato e misure per il Servizio sanitario della Calabria), è contestabile per diversi motivi. Vorremmo sottolineare alcuni punti critici di questa riforma che possono minare l’efficacia e l’indipendenza delle valutazioni sui farmaci svolte dall’Agenzia, e quindi avere riflessi negativi sulla sicurezza dei pazienti e sulla spesa farmaceutica.

La riforma parte dal presupposto che la struttura attuale dell’Agenzia sia causa di ritardi nell’approvazione dei farmaci e nella loro disponibilità per i pazienti. Si tratta di un elemento non supportato da dati: i tempi medi di approvazione in Italia sono inferiori alla media europea e inferiori a quelli di paesi come Francia, Spagna e Belgio. Inoltre, l’Italia è al quarto posto in Europa per numero di farmaci rimborsabili.

La riforma propone di unificare le due commissioni tecniche dell’Agenzia, che si occupano rispettivamente di valutare se i nuovi farmaci siano efficaci e sicuri decidendo sulla loro rimborsabilità (Commissione tecnico-scientifica), e di negoziare il loro prezzo con le Aziende produttrici (Commissione prezzi e rimborso). Ciascuna delle due Commissioni è attualmente composta di 10 membri, scelti in parte dalle Regioni e in parte dal Governo. La riforma prevede invece una commissione unica di soli 10 membri, i cui criteri di nomina non sono attualmente definiti. Questa unificazione potrebbe in teoria rendere l’intero processo più efficiente, ma bisognerebbe evitare il rischio di valutazioni non adeguate, caricando funzioni e competenze su un numero dimezzato di professionisti. È essenziale che i decreti attuativi della legge in questione definiscano in modo chiaro composizione e operatività necessarie della commissione per evitare il rischio di approvare farmaci la cui sicurezza non sia sufficientemente comprovata o il cui prezzo non sia giustificato da un valore aggiunto assente o limitato.

In aggiunta, la riforma cancella la figura del Direttore generale, nominato dal Ministro della Salute, che attualmente dirige le attività tecnico-scientifiche dell’Agenzia e ne è il legale rappresentante. Si concentreranno i poteri decisionali e di rappresentanza della figura del Presidente del Consiglio di amministrazione, attualmente nominato dalla Conferenza Stato-Regioni. Proprio attraverso la separazione di questi due ruoli la struttura attuale permette un adeguato bilanciamento di poteri e responsabilità, evitando di accentrarli tutti in un’unica figura. Va inoltre sottolineata l’importanza fondamentale di avere un ruolo di coordinamento tecnico-scientifico, che potrebbe a questo punto essere ricoperto dalla figura del Direttore scientifico, già prevista in precedenza ma mai nominata e di cui si dovrebbe definire in modo chiaro l’indipendenza nella direzione delle attività scientifico-regolatorie dell’Agenzia.

Sullo sfondo c’è l’annoso tema dei conflitti di interesse: dato il suo ruolo, l’Aifa dovrebbe essere nelle migliori condizioni possibili per operare in modo trasparente e al riparo da pressioni lobbistiche. Per questo sottolineiamo l’importanza di avere, per commissari e direzione dell’agenzia, criteri di nomina trasparenti che portino a selezionare persone non solo competenti e meritevoli, ma anche esenti da rilevanti conflitti di interesse o influenze politiche.

Associazione Alessandro Liberati – Cochrane Affiliate Centre
www.associali.it

Condividi

Condividi questo articolo:

Ultimi articoli

Come è difficile morire bene

Perché e quando aiutare le persone a morire può essere un privilegio, per i medici e per i familiari....

Facciamo il punto. Scelte scomode e diritti

Gli incontri del martedì con ilpunto al Circolo dei Lettori di Torino

Crioconservazione

A cura di Francesca Minerva
È una procedura medica che prevede la conservazione in azoto liquido di individui umani clinicamente...

I commenti sono chiusi.