Log in

Ops! Per usare il Centro di Lettura devi prima effettuare il log in!

Password dimenticata?

Non hai un account? Registrati

Registrazione

Sei un essere umano?

Hai già un account? Log in

Cerca nel sito…

Reset

“La guerra, come il cambiamento climatico e le pandemie, è un sintomo di una società malsana” leggiamo in un editoriale del Lancet Public Health. L’invasione russa dell’Ucraina diventa la guerra di tutti, “un’emergenza esistenziale”. Più di 2500 morti tra i civili e 10 milioni di sfollati da un alto e dall’altro il rischio di escalation nucleare, di una crisi alimentare globale, dei sistemi finanziari e dell’inflazione delle materie prime. Tutti fenomeni che – insieme alle armi e le distruzioni – a loro volta impatteranno anche sul cambiamento climatico.

Richiamando il concetto di salute planetaria e la necessità di un’azione collettiva a tutti i livelli per una società globale più resiliente e cooperativa, il Lancet Public Health ricorda che la salute futura del pianeta e la salute umana sono indissolubilmente legate. Le tre crisi oggi in atto – la guerra, la pandemia, i cambiamenti climatici – dimostrano “l’incapacità di vedere l’interconnessione basilare tra sistemi sociali, economici, ambientali e sanitari. E di riconoscere che tutte le specie dipendono l’una dall’altra per la sopravvivenza, la prosperità, la salute e la sostenibilità”.

Facciamo il punto insieme.

Come le guerre fanno male all’ambiente. Lo racconta Giulia Annovi
Guerra e cambiamenti climatici: siamo davanti a un bivio? La nota di Paola Michelozzi

Condividi

Condividi questo articolo:

Ultimi articoli

Per un buon uso dell’intelligenza artificiale

Cosa abbiamo imparato dalla diagnosi automatizzata? L'importanza del dialogo tra macchina e medico

Un luogo di incontri e confronti

Perché abbiamo fatto ilpunto.it? L'intervista video al presidente dell’OMCeO Torino Guido Giustetto

La comunicazione delle cattive notizie

I medici che svolgono tale compito in maniera sbagliata non saranno mai perdonati, i medici che lo fanno bene...

I commenti sono chiusi.