Log in

Ops! Per usare il Centro di Lettura devi prima effettuare il log in!

Password dimenticata?

Non hai un account? Registrati

Registrazione

Sei un essere umano?

Hai già un account? Log in

Cerca nel sito…

Reset

Steven Woloshin, medico e ricercatore della Darmouth university negli Stati Uniti, è tra le persone che più hanno studiato una questione importante: come comunicare i risultati della ricerca scientifica. In occasione di un incontro svolto a Roma e promosso dal progetto Forward del Dipartimento di epidemiologia del Lazio, Woloshin ha risposto alle domande de il punto ricordando quanto sia importante che siano comunicati i “numeri” riguardanti il beneficio o il rischio assoluto (e non relativo) e che, riportando gli esiti di uno studio, siano sempre spiegati quali siano i limiti della ricerca, in termini di rappresentatività del campione di popolazione studiato o di rilevanza clinica dei benefici evidenziati.

Va da sé – spiega Woloshin – che in uno studio osservazionale sia fondamentale considerare i fattori di confondimento che possono aver alterato le conclusioni degli autori e che, allo stesso tempo, in uno studio controllato randomizzato sia valutata la congruità del “confronto” utilizzato per misurare l’efficacia o la sicurezza di una nuova terapia. Più in generale – sembra voler dire il ricercatore – la comunicazione della ricerca deve rispondere a criteri di onestà e indipendenza, per rispettare sia il destinatario dell’informazione, sia i ricercatori stessi e la loro integrità.

Guarda il video su You Tube

A cura della redazione il punto


Rubriche

Leggere i numeri

A cura di Renato Luigi Rossi

Una rubrica pensata per affiancare il medico che si accinge all’analisi critica di uno studio clinico. Come si può capire se uno studio è importante e cambierà la pratica medica e un altro invece si può ignorare perché del tutto irrilevante? Come ci si può destreggiare tra rischio relativo, hazard ratio e intervallo di confidenza? Come si interpreta la “P”? Cos’è una curva di Kaplan-Meier? Cosa sono le metanalisi e le revisioni sistematiche? Si può giudicare la bontà di una linea guida? Cosa si intende per valore predittivo di un esame?

Leggi i post

Condividi

Condividi questo articolo:

Ultimi articoli

Stato vegetativo

A cura di Carlo Alberto Defanti
Una condizione clinica caratterizzata dalla presenza di un'attività di veglia in assenza di coscienza,...

Curve di Kaplan-Meier e hazard ratio

Come esporre i risultati “crudi” dello studio in termini di mortalità finale e come confrontare due curve.
Di Renato Luigi...

Siamo fatti per essere soli?

Intervista a Eugenio Borgna sul confine tra solitudine e isolamento e sul rapporto tra solitudine e malattia

I commenti sono chiusi.