Log in

Ops! Per usare il Centro di Lettura devi prima effettuare il log in!

Password dimenticata?

Non hai un account? Registrati

Registrazione

Sei un essere umano?

Hai già un account? Log in

Cerca nel sito…

Reset

Quando un medico perde la speranza di cambiare le sue condizioni di lavoro, rinuncia a un ruolo importante e abbandona la sua attività. Tutti parliamo di burnout, cioè di esaurimento delle capacità di fronteggiare le situazioni. È come se dicessimo: “Il medico non ce l’ha fatta, non era abbastanza forte, era debole, e forse dovrebbe essere destinato ad un lavoro più adatto a lui”.

Molti colleghi, non soltanto quelli che lavorano in pronto soccorso, sostengono a ragione che non dovremmo più usare questo termine in quanto tende a colpevolizzare i medici, come se non fossero abbastanza bravi, determinati, quando in realtà sono vittime di un sistema che procura una “moral injury”, ossia un danno morale.

Cosa significa?

Significa che il medico è costretto a lavorare in un modo che è diverso da quello che vorrebbe, perché è costretto ad accettare continui compromessi, perché ha il tempo e tutti gli strumenti e le possibilità per lavorare bene e si rende conto che non fa l’interesse del paziente e che in qualche modo tradisce la sua fiducia. Se il sistema carica il medico di lunghi compiti burocratici ma non mette a disposizione una piattaforma informatica efficiente e il medico non trova più il tempo per stare con il suo paziente, se l’ospedale non è in grado di fornirgli i posti letto necessari per svolgere il suo lavoro, il medico subisce un danno morale perché si sente partecipe di un’azione non dignitosa per l’individuo: i suoi pazienti sono ammassati in corridoio sulle barelle, e un malato in fine vita muore in pronto soccorso dietro un paravento. Se invece di visitare quattro persone all’ora gliene sono state prenotate sei, il medico sente di essere frettoloso e magari negligente, non protetto dal sistema. Con quale rischio per i pazienti? E con quale rischio per gli operatori?

Questo non è burnout. È sofferenza, è moral injury.

Guido Giustetto
Presidente dell’OMCeO di Torino


Altri post in questo Focus…

Burnout degli operatori sanitari, la pandemia “parallela”

Condividi

Condividi questo articolo:

Ultimi articoli

Covid-19: servono dati grezzi su farmaci e vaccini

Sul BMJ un appello a firma di Peter Doshi, Fiona Godlee e Kamran Abbasi chiede maggiore trasparenza. E i medici...

Ripensare le tecnologie al servizio della medicina

Grandi le promesse ma la strada da fare è ancora lunga: Filippo Anelli e Daniele Coen.

Bioetica

A cura di Maurizio Mori
La bioetica è quella specifica branca dell’etica che sottopone a vaglio critico le opinioni ricevute...

I commenti sono chiusi.